Chiesa Cristiana in Italia

VISIONE SPIRITUALE

della

Chiesa Cristiana in Italia


Ogni confessione di fede, comunemente chiamata religione o chiesa, ha il suo ‘credo’ e sono proprio i ‘credi’ umani che stabiliscono le divisioni tra credenti perché ogni gruppo crede di avere la verità assoluta. I credenti della “Chiesa Cristiana in Italia”, invece, pensano che debba esserci un elemento unificatore che accomuni tutti i cristiani del mondo. Cristo, infatti, non è morto per le chiese ma per edificare la “sua Chiesa” che è una, quindi deve esserci per forza un unico elemento distintivo che identifichi tutti i cristiani. Noi pensiamo fermamente che ce ne sia uno solo ed è il seguente:

“Crediamo che Gesù sia l'Agnello di Dio provveduto per il peccato del genere umano. Il sangue da lui versato sulla croce ci perdona ogni peccato passato e presente. Gesù è l'unica via che porta a Dio. Chi non accetta il sacrificio di Cristo non ha pace e comunione con Dio e quindi non ha la vita eterna. Tutti quelli che accettano Gesù come il Cristo, come unico 'redentore', e si santificano consacrandosi a Dio, proprio come fece Gesù sulla terra, godranno eternamente nei “nuovi cieli e nuova terra”. Crediamo che nel momento in cui una persona accetta il perdono che Dio, tanto amorevolmente, gli ha provveduto in Cristo, riceve lo Spirito Santo che lo condurrà in sentieri di giustizia attraverso un processo di piena consacrazione. Senza la guida dello Spirito Santo non possiamo fare nulla che piaccia allo Spirito di Dio e quindi a Dio. Ogni cristiano è tenuto a condurre una vita assolutamente santa, perchè senza la santificazione nessuno vedrà il Signore.”

Nella formulazione precedente sono impliciti alcuni aspetti teologici di certo condivisibili da tutte le confessioni di fede. Vediamoli nel dettaglio:

Crediamo e accettiamo l’intera Bibbia che nella versione dei testi originali è l’ispirata Parola di Dio, unica, infallibile e autorevole regola della nostra fede e della nostra condotta. Siamo altresì certi che nessuna versione della Bibbia, oggi esistente, sia di per sé affidabile al 100% ma che vada fatta, di volta in volta, un’analisi delle copie esistenti degli originali per individuare quale sia la versione che meglio traduce un determinato versetto (2Tim 3:15-17; 2Pt 1:21; Ro 1:16; 1Te 2:13).

Crediamo nell’unico vero Dio, Eterno, Onnipotente, Onnisciente, Onnipresente, Onnisaggio, Creatore e Signore di tutte le cose, il cui nome è YHWH. (Ef 4:6; 1Co 8:6; Gv 17:3).

Crediamo in Gesù, che fu miracolosamente generato da Dio nel grembo di Maria vergine, che è il Figlio di Dio, il Cristo (in ebraico Messia), il Profeta promesso, il nostro Salvatore, il nostro Sommo Sacerdote e anche nostro fratello maggiore, erede di Dio e coerede nostro (Dt 18:15-22; Gv 20:17; Mt 1:18-25; Lu 1:26-38).

Crediamo che Gesù avrebbe potuto peccare ma decise di fortificarsi sempre di più in preghiera per resistere alle tentazioni, ubbidendo così alla volontà del Padre in ogni situazione (Eb 4:15; Eb 5:7; Lu 2:52; Mr 14:36; Lu 22:42).

Crediamo che Dio operò in Gesù e attraverso di lui, senza alcun ostacolo, manifestando opere e parole potenti (At 2:22-24; At 10:38).

Crediamo quindi nella vita senza peccato di Gesù Cristo, nei miracoli che Dio fece per mezzo di lui, nella sua morte vicaria, come “prezzo di riscatto per tutti” gli uomini, nella sua resurrezione, nella sua ascensione alla destra del Padre, quale unico mediatore, nel suo personale e imminente ritorno sulla terra accompagnato dalla potenza e dalla gloria di Dio per stabilire il suo regno (1Pt 2:22; 2Co 5:21; At 2:22; 1Pt 3:18; Ro 1:4; 1Co 15:4; At 1:9-11, Gv 14:1-3; 1Ti 2:5).

Crediamo all’esistenza degli angeli creati tutti puri e che una parte di questi, caduti in una corruzione e perdizione irreparabili, per diretta azione di Satana, angelo ribelle, saranno con lui eternamente puniti (Mt 25:41; Ef 6:11-12).

Crediamo che soltanto il ravvedimento e la fede nel sacrificio propiziatorio di Cristo (che ci apre le porte della vita eterna garantendoci il libero accesso presso Dio), unico Sommo Sacerdote, siano indispensabili per la purificazione dal peccato di chiunque si affida a Dio (Ro 3:22-25; At 2:38; 1Pt 1:18, 19; Ef 2:8).

Crediamo che la rigenerazione (nuova nascita) per opera dello Spirito Santo sia essenziale per la salvezza (Gv 3:3; 1Pt 1:23; Tt 3:5).

Preghiamo a Dio per ricevere ogni cosa buona da Lui e lo facciamo nel nome potente e glorioso di Gesù Cristo e per i suoi meriti e virtù (At 4:24-31; Mt 6:9-15).

Crediamo alla guarigione divina, secondo le Sacre Scritture mediante la preghiera, l’unzione dell’olio e l’imposizione delle mani (Is 53:4-5; Mt 8:16-17; 1Pt 2:24; Mr16:17-18; Gm 5:14-16).

Crediamo al battesimo o pienezza dello Spirito Santo che si manifesta praticamente, secondo le Scritture, con una vita di progressiva santificazione, nell’ubbidienza a tutta la verità delle Sacre Scritture, nella potenza dell’annuncio di “Tutto l’Evangelo” al mondo e che è una promessa per ogni credente (At 2:4; 2:42-46, 8:12-17; 10:44-46; 11:14-16; 15:7-9; 19:2-6; Mr 16:20; Gv 16:13).

Crediamo che ogni credente debba, attraverso la preghiera, assicurarsi costantemente la pienezza dello Spirito Santo, per resistere a ogni forma di tentazione e per servire Dio e il suo Cristo (Ef 5:18).

Crediamo ai carismi dello Spirito Santo nella vita dei cristiani che, nell’esercizio del sacerdozio universale dei credenti, si manifestano per l’edificazione, l’esortazione e la consolazione della comunità cristiana e, conseguentemente, della società umana (1Co 12:4-11; Ga 5:22; Eb 13:15; Ro 12:1).

Crediamo che la lista dei carismi, scritta nel Nuovo Testamento, sia solo approssimativa, poiché lo Spirito Santo muove i credenti come Egli vuole con ogni forma di carisma che porti edificazione. Tutto quello che un credente fa e che porta edificazione lo potremmo definire carisma.

Crediamo ai ministeri dati alla Chiesa alla luce dell’opera compiuta da Cristo sulla croce, quali strumenti autorevoli di guida, d’insegnamento, di edificazione e di servizio nella comunità cristiana, rifuggendo da qualsiasi forma gerarchica o struttura consiliare (Ef 1:22-23; 4:11-13; 5:23; Cl 1:18).

Crediamo alla resurrezione dei morti, alla condanna dei reprobi e alla glorificazione dei redenti, i quali hanno perseverato nella fede fino alla fine (At 24:15; Mt 24:12,13; 25:46 ).

Celebriamo il battesimo in acqua per immersione per coloro che si sono ravveduti dei loro peccati e che vogliono fare professione della propria fede nel Signore Gesù Cristo volendo iniziare un cammino nuovo sotto la guida dello Spirito di Dio (At 2:38; 8:12).

Celebriamo la cena del Signore o Santa Cena, sotto le due specie del pane e del vino, rammemorando così la morte del Signore e annunziandone il ritorno, amministrata a chiunque sia stato battezzato secondo le regole dell’Evangelo e vive una vita degna e santa davanti a Dio e alla società. Crediamo che la Cena del Signore vada celebrata come facevano 2000 anni fa: tutti i fratelli riuniti intorno a un tavolo, al termine della cena, spezzano il pane e bevono il vino (I Co 11:23-29; Lu 22:19-20).

NON crediamo che la dottrina della Trinità sia necessaria ai fini della Salvezza (Ro 10:9; Gv 20:30-31).

NON crediamo che la dottrina della divinità di Cristo sia necessaria ai fini della Salvezza (Ro 10:9; Gv 20:30-31).

NON crediamo che tutte le dottrine che dividono le varie confessioni di fede anziché unire, siano necessarie ai fini della Salvezza (Ro 10:9; Gv 20:30-31).

NON crediamo che i veri cristiani debbano essere divisi tra di loro (1Co 6:19; 1Co 3:16-17; 2Co 6:16).

 

E la pace di Dio, che supera ogni intelligenza, custodirà i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù.” Fil 4:7